flat social icons 0009 youtube  flat social icons 0010 instagram

La vecchia politica ha avuto 40 anni di tempo per completare o trovare un diverso destino per il Nuovo Palazzo di Città, che sorge, in spregio ad ogni valutazione paesaggistica, estetica e urbanistica, nei pressi della chiesa dell'Incoronata.


Là dovevano essere ospitati i consigli comunali della prima e della seconda repubblica ed ospitati i dipendenti assunti in quei decenni. Parole. E miliardi di lire spesi, a partire dall'acquisto dei terreni.
Poi, finalmente, è arrivata l'amministrazione Mellone, che dalle parole è passata ai fatti, e quel che si diceva da anni è stato certificato: quello scheletro di cemento è inadeguato e, quindi, non potrà mai essere recuperato. Perfino sistemarlo parzialmente (farne palazzine, come incautamente ha suggerito qualcuno) sarebbe stato antieconomico. Per questo l'amministrazione ha deciso: quel luogo diventerà un parco.

“Finalmente – dice il Vice Segretario cittadino di Andare Oltre, Antonio Perrone – la nostra comunità si doterà di un parco pubblico di grandi dimensioni, attrezzato e dedicato alle attività ricreative e ai giovani, alle famiglie e alle persone anziane. Questa amministrazione, con l’appoggio e la spinta di Andare Oltre, continuerà a portare avanti la propria idea di città”.

Altro che “seconda Punta Perotti” come dice uno degli indiscussi professori dell'opposizione, Lucio Tarricone, che non perde occasione per difendere la politica del passato, del quale egli è l'esponente più rappresentativo, visto che è stato Assessore ed è esponente di una delle più note famiglie politiche della Città.
Il Nuovo Palazzo di Città è la testimonianza concreta lasciata in eredità da chi ha sprecato risorse che sarebbero dovute servire per fare strade e realizzare servizi per i cittadini. E' il monumento all'inconcludenza della prima e della seconda Repubblica e verrà demolito. Gli incontri culturali organizzati in queste ore ne sono il funerale, celebrato attorno a quello scheletro di cemento. Quell'incompiuta, che è stata nei programmi elettorali di tutti i sindaci del passato, sarà cancellata per sempre dal panorama cittadino, così come saranno cancellate tutte le iniziative svantaggiose per i cittadini. Altro che ironia sul Blak Friday! Il periodo nero dell'opposizione è iniziato il 19 Giugno del 2016 e non finirà mai.
Noi difendiamo i cittadini delle case popolari e l'opposizione ci attacca. Mellone difendie i cittadini dal caro lumini e loro festeggiano l'allungarsi dei tempi affianco all'impresa. Mellone lavora per ottenere la corretta postgestione della discarica... e l'opposizione viene presa dalla nostalgia e ricorda i tempi nei quali l'attuale opposizione governava ed aprì la discarica vicino alle case dei neretini, condannando migliaia di cittadini a respirarne i miasmi.

“Noi – aggiunge Pasquale Alfieri, membro del direttivo di Andare Oltre - stiamo liberando questa città da tutti gli scheletri del passato e la stiamo restituendo ai cittadini, realizzando spazi per tutti e riprendendo in mano anche la situazione del verde urbano e dei parchi. Per la fine del mandato il saldo dell'amministrazione Mellone sarà entusiasmante”.


*FOTO DEL GIORNO* di Fernando Pero "Il mare d'inverno"

foto del 14 dicembre 2017

Video di OltreMe

Video di Oltreme

Video di Oltreme

Cerca nel giornale

Nardo coi fiocchi

Volantino avanti

Global News